Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Entresto
Cloderm
Sinemet

8-MOP

Centro effetti collaterali 8-MOP

Trova i prezzi più bassi su

Redattore medico: John P. Cunha, DO, FACOEP

Ultima recensione 8/10/2016

L'8-MOP (methoxsalen) è una sostanza presente in natura reattiva alla luce utilizzata in combinazione con la terapia con luce UVA per trattare la psoriasi grave. Gli effetti collaterali comuni di 8-MOP includono:

  • nausea
  • problemi di sonno (insonnia)
  • depressione
  • nervosismo
  • problemi di sonno (insonnia)
  • herpes labiale
  • mal di testa
  • vertigini
  • dolore alla gamba
  • lievi alterazioni della pelle (prurito, secchezza, arrossamento, tenerezza o scurimento della pelle) quando questo farmaco viene utilizzato insieme al trattamento con luce UVA

Il dosaggio di 8-MOP si basa sul peso del paziente. Le capsule devono essere assunte 2 ore prima dell'esposizione ai raggi UVA con un po 'di cibo o latte. L'8-MOP può interagire con triossido di arsenico, antralina, saponi batteriostatici, catrame di carbone, griseofulvina, acido nalidixico, coloranti coloranti, sulfamidici, diuretici (pillole d'acqua), antibiotici o medicinali per il trattamento di disturbi psichiatrici. Informi il medico di tutti i farmaci e integratori che usi, compresi quelli applicati sulla pelle. 8-MOP non è raccomandato per l'uso durante la gravidanza. Potrebbe danneggiare un feto. Non è noto se questo farmaco passa nel latte materno. A causa del possibile rischio per il bambino, l'allattamento al seno durante l'utilizzo di questo farmaco non è raccomandato.

Il nostro Centro per gli effetti collaterali di 8-MOP (metossalato) offre una visione completa delle informazioni disponibili sui farmaci sui potenziali effetti collaterali durante l'assunzione di questo farmaco.

Questo non è un elenco completo di effetti collaterali e altri potrebbero verificarsi. Chiamate il vostro medico per un consiglio medico circa gli effetti collaterali. È possibile segnalare effetti collaterali a FDA a 1-800-FDA-1088.

8-MOP Informazioni per i consumatori

Ottenere assistenza medica di emergenza se si dispone segni di una reazione allergica: orticaria; respiro difficile; gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o della gola.

Chiama il tuo medico in una volta se hai:

  • grave arrossamento della pelle entro 24 ore dopo il trattamento con UVA;
  • gonfiore, forte prurito o grave disagio cutaneo;
  • arrossamento della pelle e gonfiore con vesciche;
  • peggioramento della psoriasi;
  • una nuova lesione cutanea o una talpa che è cambiata in termini di dimensioni o colore; o
  • visione offuscata, visione tunnel, dolore oculare o gonfiore, o vedere aloni intorno alle luci.

Potrebbe verificarsi un lieve rossore e può durare 1 o 2 giorni. Questo è un normale effetto collaterale dopo il trattamento con UVA e potrebbe non essere un segno di grave scottatura solare. Chiedi al tuo medico se hai dubbi su eventuali arrossamenti o gonfiori.

Gli effetti indesiderati comuni possono includere:

  • prurito, arrossamento;
  • nausea;
  • sentirsi nervoso; o
  • problemi di sonno (insonnia).

Questo non è un elenco completo di effetti collaterali e altri potrebbero verificarsi. Chiamate il vostro medico per un consiglio medico circa gli effetti collaterali. È possibile segnalare effetti collaterali a FDA a 1-800-FDA-1088.

8-MOP Informazioni professionali

EFFETTI COLLATERALI

Methoxsalen

L'effetto collaterale più comunemente riportato di solo methoxsalen è la nausea, che si verifica con circa il 10% di tutti i pazienti. Questo effetto può essere minimizzato o evitato istruendo il paziente a prendere methoxsalen con latte o cibo, oppure a dividere la dose in due porzioni, a distanza di circa mezz'ora. Altri effetti includono nervosismo, insonnia e depressione psicologica.

Terapia combinata Methoxsalen / uva

  1. prurito: Questa reazione avversa si verifica con circa il 10% di tutti i pazienti. Nella maggior parte dei casi, il prurito può essere alleviato con frequente applicazione di blandi emollienti o altri agenti topici; il grave prurito può richiedere un trattamento sistemico. Se il prurito non risponde a queste misure, proteggere le aree pruriginose da ulteriori esposizioni UVA fino a quando la condizione non si risolve. Se il prurito intrattabile è generalizzato, il trattamento con UVA deve essere interrotto fino alla scomparsa del prurito.
  2. Eritema: Un eritema lieve e transitorio a 24-48 ore dopo la terapia con PUVA è una reazione attesa e indica che si è verificata un'interazione terapeutica tra metossano e UVA. Qualsiasi area che mostri un eritema moderato (maggiore di Grado 2 - vedere la Tabella 1 per i gradi di eritema) deve essere protetta durante le successive esposizioni UVA fino a quando l'eritema non si è risolto. L'eritema superiore al grado 2 che compare entro 24 ore dal trattamento con UVA può segnalare un'ustione potenzialmente grave. L'eritema può peggiorare progressivamente nelle 24 ore successive, poiché la reazione eritematosa di picco si verifica in genere 48 ore o più dopo l'ingestione di metossi. Il paziente deve essere protetto da ulteriori esposizioni UVA e dalla luce solare e deve essere monitorato attentamente.
  3. Differenze importanti tra eritema e eritema solare L'infiammazione indotta da PUVA differisce dalla solarizzazione o dalla fototerapia UVB in diversi modi. Il sul posto la profondità della fotochimica è più profonda all'interno del tessuto perché gli UVA vengono trasmessi ulteriormente nella pelle. Le lesioni del DNA indotte da PUVA sono molto diverse dai dimeri di timina indotti da UV e possono portare ad un crosslink del DNA. Questa lesione del DNA può essere più problematica per la cellula perché i legami incrociati sono più letali e i fotoprodotti del DNA del psoraleni possono essere "nuovi" o substrati non familiari per gli enzimi di riparazione del DNA. La sintesi del DNA viene anche soppressa più a lungo dopo PUVA. Il decorso temporale dell'eritema ritardato è diverso con PUVA e potrebbe non coinvolgere i soliti mediatori osservati nella solarizzazione.L'arrossamento indotto dal PUVA può essere solo all'inizio di 24 ore, quando l'eritema UVB ha già superato il suo picco. La curva dose-risposta eritema è anche più ripida per PUVA. Rispetto alle dosi ugualmente eritemogene di UVB, le alterazioni istologiche indotte da PUVA mostrano un maggior danno ai vasi dermici e una durata più lunga delle anomalie epidermiche e dermiche.
  4. Altre reazioni avverse: Quelli riportati comprendono edema, vertigini, mal di testa, malessere, depressione, ipopigmentazione, formazione di vescicole e bolle, rash non specifico, herpes simplex, miliaria, orticaria, follicolite, disturbi gastrointestinali, dolorabilità cutanea, crampi alle gambe, ipotensione ed estensione della psoriasi.

Messaggi Popolari 2019

Notizia - Afinitor
Notizia - Scarlet Fever: sintomi e segni

Categorie Popolari

Top